Post in evidenza

Basilicata: Armento


Armento (Arëmient in dialetto lucano) è un piccolissimo comune posto su un’altura nella valle del torrente Armento e rientra nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese.

Intorno al VI secolo a. C. è stato un importantissimo centro con il nome di Galaso, come riferisce il geografo Strabone, e la sua storia è legata ad importanti rinvenimenti archeologici che hanno portato alla luce pregevoli reperti come il Satiro Inginocchiato e la Corona aurea di Kritonios, oggi custoditi all’interno del Museo archeologico di Monaco di Baviera.

In località Serra Lustrante si estende un’importante area sacra risalente al IV secolo a. C. su cui svetta il Santuario di Eracle.

ARMENTO

Regione: Basilicata
Provincia: Potenza PZ
Altitudine: 710 m slm
Superficie: 58,98 km²
Abitanti: 586
Nome abitanti: Armentesi
Patroni: San Filippo Neri e San Vitale di Castronovo
Gemellaggio: Castronovo di Sicilia
Santi e Personaggi: San Luca di Armento (di Demenna)

.

ARMENTO NEL WEB


Pro Loco di Armento

Via Vittorio Emanuele, 11 - Armento (PZ)
Tel. 0971 751391
Cell. 349 3641376
E-mail: info@prolocoarmento.it
Sito internet: www.prolocoarmento.it



È vero che Armento è un comune molto piccolo, eppure custodisce ricchezze architettoniche, artistiche e culturali di particolare pregio che non lasciano indifferente chi si imbatte in esse.


Il primo impatto con il paese è dato senz’altro dall’affaccio panoramico che consente di apprezzarne le peculiarità naturali e ambientali. 
Dopo aver girovagato per il borgo, tra i settecenteschi portali, si possono ancora ammirare, in località “Casale”, le rovine del palazzo di Terenzio Lucano, il console che nel periodo romano ha soggiornato nel territorio di Armento.
 


Di particolare importanza sono poi le chiese, la novecentesca chiesa madre di San Luca Abate assume un significativo valore perché sorta sulle rovine dell’antico monastero basiliano risalente al 1040.
In essa sono conservate opere come un polittico di autore ignoto, sull’altare maggiore, e una statua lignea raffigurante la Madonna con Bambino.
In origine cripta dell’antichissima chiesa madre, non meno graziosa è la cappella di San Vitale, con affreschi seicenteschi rappresentanti la vita e i miracoli del Santo.


Booking.com

I sapori

La tradizione culinaria ad Armento si basa sulla produzione di prodotti tipici, tutti ispirati agli antichi sapori della terra e della tradizione agricolo-pastorale della zona.
Particolarmente diffusa e certamente degna di essere assaggiata e apprezzata è l’ottima la pasta fatta in casa nelle sue diverse forme e condita con croccante mollica di pane e il deciso rafano


Natura e Parchi

Il piccolo borgo di Armento ricade nel pittoresco paesaggio del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese.

Attraversandolo, si possono apprezzare tutti gli altri paesi che insistono in esso indimenticabili per cultura, valori sacri, natura.






Oltre all’area archeologica di Grumentum, considerata il più importante sito romano della Basilicata, e il vicino museo archeologico dell’Alta Val D’Agri, insistono nel parco i paesi di Viggiano e Sant’Arcangelo, cuore sacro della Basilicata e dell’area.
Rispettivamente, infatti, ospitano il culto della Madonna Nera, Patrona della regione, e il Convento di Santa Maria Orsoleo, oggi sede di un museo scenografico che consente un viaggio spirituale nella Basilicata del passato e del presente.
 



Non particolarmente distante da Armento sorge un angolo di immensa suggestione che merita di essere visitato: l’invaso artificiale di “Pietra del Pertusillo”, sorto a sbarramento del fiume Agri e circondato da un paesaggio di boschi che si estendono fino alle sponde del lago.





Santi e Personaggi

LUCA di Armento (di Demenna), santo, nacque nei primi decenni del secolo X da Giovanni e da Tedibia, esponenti del patriziato di Demenna, centro fortificato di Val Demone, regione nordorientale della Sicilia.

La discesa dell'imperatore germanico Ottone I in Italia meridionale nel 968-969 provocò un nuovo spostamento di Luca, con i suoi discepoli sempre più numerosi, verso un luogo solitario facilmente fortificabile della Lucania, di nome Armento, dove cominciarono la costruzione di una chiesa dedicata alla Vergine e, ancora una volta, all'apostolo Pietro, il nucleo di un nuovo centro di vita monastica.
Qui furono raggiunti da un'altra incursione saracena, tra le tante che, partite dalla Sicilia, tormentarono nella seconda metà del secolo X il Sud dell'Italia. Si verificò allora l'episodio di gran lunga più originale tra quelli narrati nella Vita di Luca, che questa volta non fuggì. 

Contro i predoni accampati presso il suo monastero, Luca in preghiera ottenne una sorta di investitura da parte di Dio a reagire con la forza del suo bastone, sull'esempio di Mosè.
Dunque, alla testa di alcuni dei suoi discepoli, scelti tra i più robusti, Luca si dispose a cacciare i Saraceni dal territorio di Armento.



Come arrivare ad Armento

In Automobile


In treno



Come ti è sembrato questo articolo? Ti è piaciuto? 
Perché non lo condividi con i tuoi amici o sul tuo social network preferito?
Aiuterai il blog a crescere e potrai suggerire qualcosa di interessante ad altri!

Se il mio lavoro ti piace, potresti anche offrirmi anche solo 1 €
per sostenere il mio impegno non profit a favore dell’Italia
Contattatemi per maggiori informazioni

Whatsapp: +39 348.2249595


Commenti